In questo lungo periodo di chiusura dei teatri abbiamo cercato ogni strada per mantenere vivo il dialogo con le compagnie nazionali e internazionali e con la nostra comunità di spettatori.
I Visionari sono quasi pronti a rivelarci le loro nove scelte, che vedremo a luglio a Kilowatt Festival 2021, mentre nuove dimensioni di incontro sono nate in questo mesi, da Lift Off, il laboratorio internazionale di teatro sviluppato per il progetto europeo eye.net, all’interno della Scuola Comunale di Teatro, all’European Art Commissioner, un percorso che unisce due comunità, una da Vienna e una da Sansepolcro, alla ricerca di un’opera artistica capace di raccontare i tempi che stiamo attraversando.

Al centro della nostra attività ci sono le residenze, e quest’anno, con la novità della gestione del Teatro Mario Spina di Castiglion Fiorentino, le occasioni di ospitalità si sono moltiplicate e, dalla fine di settembre a oggi, malgrado la chiusura dei teatri al pubblico, abbiamo avuto modo di incrociare i percorsi di:

Collettivo Rasoterra con Boa
Francesco Marilungo con Party Girl
Lucia Guarino con Superstite
Enrico Baraldi con Non tre sorelle
Nardinocchi/Matcovich con Arturo
Matteo Ciccioli con Attenti al loop
IVONA/Pablo Girolami con Tripofobia
Unterwasser con Untold
Stefania Tansini, Luca del Pia e Luca Giovagnoli con Stupid Girls
Servomuto Teatro con Tycoons

e nel mese di aprile staranno con noi:
Daniele Albanese con Home Altrove
Leviedelfool con Anima

E anche le occasioni di dialogo attraverso il digitale non sono mancate, come Let’s Talk, gli incontri tra direttori e direttrici artistiche e le compagnie co-prodotte da Be SpectACTive!, che ci ha visti in dialogo con Luke Casserly e Shanna May Breen e l’incontro pubbblico Untold Freedom che ci ha visti impegnati in un bel dialogo online su libertà e censura insieme alle fondatrici di Unterwasser.