C’è una nuova realtà a Sansepolcro, uno spazio di accoglienza per artisti e maestranze, nel cuore della città: è la Casa degli Artisti di via dei Balestrieri, affidata alla gestione dell’Associazione CapoTrave/Kilowatt diretta da Lucia Franchi e Luca Ricci. L’abitazione, di proprietà comunale, è stata ristrutturata grazie al contributo della Fondazione CR Firenze, della Regione Toscana, e delle Associazioni CapoTrave/Kilowatt, Laboratori Permanenti ed effetto K, e offre 13 posti letto. Si tratta di un luogo che vive nel tessuto urbano e si nutre dello scambio con la comunità, per offrire agli artisti in residenza al Teatro alla Misericordia il tempo e il respiro del pensiero e della creazione artistica. Un’operazione di rigenerazione urbana e ancora una volta un’occasione per la città di Sansepolcro, per conoscere e dialogare con artisti italiani ed europei del mondo del teatro, della danza e della musica.

Appuntamento martedì 21 settembre alle 17, al Teatro alla Misericordia, dove il regista Carmelo Alù, in residenza artistica a Sansepolcro, darà un piccolo saggio del suo lavoro, dal titolo Woyzeck!, dopo il quale si andrà insieme a inaugurare la Casa degli Artisti. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

“L’amministrazione comunale di Sansepolcro ribadisce la bontà del progetto. Con questo intervento sarà possibile radicare ulteriormente l’esperienza delle residenze artistiche nel territorio e favorire una maggiore interazione tra il tessuto della città e i processi creativi. Sottolinea inoltre che il progetto ha permesso di recuperare un immobile di grande pregio estetico e architettonico.”

“Siamo lieti che questo spazio prenda vita, rigenerato e restituito alla cittadinanza che ora potrà animarlo – afferma Gabriele Gori, Direttore Generale di Fondazione CR Firenze – Proprio questo è l’obiettivo del bando ‘SPAZI ATTIVI’, che mira a promuovere la creazione di progetti culturali innovativi grazie alla trasformazione e rifunzionalizzazione del patrimonio immobiliare esistente, che spesso versa in condizione di sotto utilizzo e abbandono. Mai come in questo momento storico esiste un bisogno di riappropriazione delle connessioni e delle relazioni fra persone. Un esempio concreto dell’attenzione della Fondazione CR Firenze verso le esigenze dei suoi territori, con la vicinanza alle sue realtà più dinamiche. Nessun luogo pubblico ha valore se non riconoscibile e appartenente alla comunità di cui è bene”.

Dichiarano Lucia Franchi e Luca Ricci: “Nel nostro disegno complessivo di Sansepolcro città accogliente, con gli artisti mancava un tassello importante: abbiamo il Teatro alla Misericordia che è un bellissimo luogo dove le compagnie possono fare prove, ricerca e lavorare, ma per 250 giorni all’anno dovevamo affittare appartamenti privati per ospitarle a dormire. Adesso Sansepolcro ha una bella foresteria, nuova, ben arredata, con 13 posti letto e finalmente accoglie gli artisti come meritano. Ringraziamo il Comune e la sua Amministrazione attuale che hanno messo a disposizione l’immobile e coordinato i lavori, nonché Fondazione Cassa di risparmio di Firenze e Regione Toscana che hanno investito su questo restauro, confermando la loro fiducia nel nostro progetto artistico. Dopo i fatti dell’estate scorsa che hanno inferto una dura ferita al nostro rapporto con i diversi poteri cittadini, questa inaugurazione è un segnale di speranza che speriamo venga raccolto”.