Codice Etico
Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt

1.Premessa

Il presente Codice Etico definisce in modo chiaro l’insieme dei valori condivisi e delle regole e dei principi di comportamento che improntano le relazioni dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt verso il personale e i terzi e caratterizzano lo svolgimento delle attività.

Il Codice Etico è un insieme di principi positivi e di regole di comportamento che l’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt ha scelto di adottare come concreta espressione dei suoi propositi verso i soggetti con cui entra in contatto. Il Codice dovrà ispirare l’attività di tutti coloro che operano nell’Associazione, tenendo conto dell’importanza dei ruoli, della complessità delle funzioni e delle responsabilità loro affidate per il perseguimento degli scopi della stessa.

Conoscere a fondo il Codice Etico è quindi un dovere, così come è un dovere applicarlo.

Il presente Codice, elemento imprescindibile nella prevenzione dei reati previsti dal D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e dalla Legge 6 novembre 2012, n. 190, pur fornendo una vasta gamma di linee guida in riferimento agli standard di integrità e di condotta delle attività, non è da ritenersi sostitutivo della responsabilità e dell’impegno di ciascuno a operare con il buon senso. Il Codice rappresenta, infatti, una guida e un supporto per perseguire nella maniera più efficace la missione dell’Associazione.

Il Codice elenca dunque i valori di riferimento che devono orientare i comportamenti di tutti i destinatari del presente documento.

Tali valori sono principalmente:

Al Codice vengono attribuite le seguenti funzioni:

2.Destinatari

Le disposizioni del presente Codice si applicano a tutti coloro che operano nell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt, dal Presidente, ai Soci Fondatori, ai membri degli Organi di Controllo, ai dipendenti, collaboratori e consulenti, nonché a tutti coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano con la stessa, a qualsiasi titolo, rapporti e relazioni di collaborazione, comunque denominati, o operano nel suo interesse. Tali soggetti verranno di seguito definiti come i “Destinatari”.

Tali soggetti, ognuno nell’ambito delle proprie responsabilità, secondo i principi di sana e prudente gestione e nel rispetto delle leggi, nazionali e comunitarie, nonché delle politiche, piani, regolamenti e procedure interne, devono contribuire alla gestione etica dell’Associazione e all’applicazione dei suoi principi e criteri di autoregolamentazione. Il Codice prevede, altresì, misure idonee a sanzionare eventuali comportamenti non conformi alle sue previsioni e proporzionate alla gravità degli stessi.

L’adozione di alcuni principi di comportamento specifici, da osservare nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e con i terzi è manifestazione di impegno dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt anche in relazione alla prevenzione dei reati di cui al d.lgs. 231/2001 e successive modificazioni e integrazioni.

3.Rispetto e valorizzazione delle risorse umane

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt riconosce la centralità delle risorse umane, nella convinzione che il più rilevante fattore di successo sia costituito dal contributo professionale delle persone che vi operano in un contesto di lealtà e reciproca fiducia.

L’Associazione offre a tutti i propri dipendenti pari opportunità di lavoro, in funzione delle rispettive caratteristiche professionali e delle capacità di rendimento, senza alcuna discriminazione.

L’Associazione pertanto, pone particolare attenzione alla valorizzazione, alla tutela e allo sviluppo delle capacità e delle competenze di tutti i propri dipendenti, affinché essi possano esprimere al massimo livello il proprio potenziale e la propria professionalità.

A tale scopo l’Associazione, nel rispetto di tutte le leggi, regolamenti e politiche aziendali in vigore, si impegna a:

4.Promozione della Cultura

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt si impegna a promuovere, favorire e incrementare l’istruzione, la formazione, l’aggiornamento e l’orientamento di coloro che intendono dedicarsi o già si dedicano ad attività culturali connesse con il teatro, la danza, la musica, il circo contemporaneo, le arti visive e performative.

5.Principi e norme di condotta verso soggetti esterni

5.1.Relazioni con gli Spettatori

Costituisce obiettivo primario dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt la piena cura delle aspettative dei propri spettatori, attraverso comportamenti affidabili, corretti, non discriminatori e tesi a garantire alti livelli di qualità nell’adempimento di tutti gli impegni in qualsiasi forma siano stati presi.

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt è attenta al rispetto dei diritti dei minori per cui fornisce al pubblico le indicazioni previste per legge in tema di allestimenti teatrali non adatti ad un pubblico minore sia nella pubblicità, sia nella cessione dei biglietti, sia negli accessi alle sale.

L’Associazione imposta gli abbonamenti, i contratti e i rapporti con i clienti spettatori e le organizzazioni di promozione in modo corretto, completo e trasparente, nel rispetto delle norme di legge, del presente Codice e delle procedure interne.

5.2.Relazioni con i Collaboratori e Artisti

I processi di acquisizione delle collaborazioni devono essere diretti alla ricerca del massimo vantaggio per l’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt, nel rispetto dei principi di lealtà e nei confronti di ogni artista o professionista in possesso dei requisiti oggettivi richiesti secondo la normativa vigente e le regole dell’Associazione.

I Dipendenti che, in nome e per conto dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt, acquistano servizi devono:

Nei rapporti con i professionisti e cast in genere i Dipendenti non devono offrire né accettare regali o altra forma di benefici e/o utilità che non siano ascrivibili alle previste attività dell’Associazione.

5.3.Rapporti con la Pubblica Amministrazione

Ai fini del presente Codice etico per Pubblica Amministrazione si intendono gli Enti Pubblici, gli Enti concessionari di pubblico servizio, le persone fisiche o giuridiche che agiscono in qualità di pubblico ufficiale, di incaricato di pubblico servizio, di membro appartenente a un Organo dell’Unione Europea, di funzionario dell’Unione Europea o di funzionario di Stato Estero, della magistratura, delle autorità di pubblica vigilanza, etc.

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt si impegna a soddisfare i soggetti pubblici in adempimento agli obblighi fissati dalle Convezioni e dai Contratti con essi stipulati. Si impegna altresì a non discriminare i propri clienti.

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt instaura con i Soggetti Pubblici con cui abbia contatti un rapporto caratterizzato da elevata professionalità e improntato alla disponibilità, al rispetto, alla cortesia, alla ricerca e all’offerta della massima collaborazione.

In occasione della partecipazione a trattative commerciali o procedure di gara, l’Associazione si impegna:

In caso di aggiudicazione della gara, nei rapporti con la committenza l’Associazione si impegna:

5.4.Autorità giudiziarie e autorità di vigilanza

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt si impegna a dare piena e scrupolosa osservanza alle regole dettate dalle Autorità di Vigilanza per il rispetto della normativa vigente nei settori connessi con la propria attività, fornendo la massima collaborazione e trasparenza.

L’Associazione non nega, nasconde o ritarda alcuna informazione richiesta dalle Autorità di Vigilanza e dagli altri organi di regolazione nelle loro funzioni ispettive, e collabora attivamente nel corso di eventuali procedure istruttorie.

L’Associazione condanna qualsiasi comportamento volto a conseguire, da parte di Autorità di Vigilanza o altro Ente Pubblico qualsiasi tipo di contributo, finanziamento, mutuo agevolato o altra erogazione dello stesso tipo, per mezzo di dichiarazioni e/o documenti alterati o falsificati, o per il tramite di informazioni omesse o, più genericamente, per il tramite di artifici o raggiri, compresi quelli realizzati per mezzo di un sistema informatico o telematico, volti a indurre in errore l’ente erogatore.

È proibito distrarre o destinare con tempistiche e/o a finalità diverse da quelle per cui sono stati concessi, contributi, sovvenzioni o finanziamenti ottenuti da Autorità di Vigilanza o altro Ente Pubblico, anche se di modico valore e/o importo.

In caso di ispezioni sarà messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria tutta la documentazione esistente con assoluto divieto di distruggere o alterare registrazioni, verbali, scritture contabili e qualsiasi tipo di documento, nonché mentire o persuadere altri in tal senso.

I soggetti deputati alla gestione delle attività finanziarie, degli investimenti e/o finanziamenti ricevuti dalla Pubblica Amministrazione o da Enti pubblici esteri, dovranno improntare il loro operato a principi di correttezza e trasparenza, osservando, altresì, gli obblighi d’informazione nei confronti degli organi amministrativi e di controllo dell’Associazione. A tal fine dovrà rendere disponibile e accessibile ogni documentazione e ogni operazione, anche non economica, eseguita nell’ambito dei compiti e delle funzioni assegnate.

5.5.Rapporti con Fornitori/Consulenti e con le Società appaltatrici

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt impronta la propria condotta nei rapporti con i fornitori a principi di trasparenza, eguaglianza, lealtà e libera concorrenza.

In particolare i dipendenti devono:

Nella scelta dei fornitori da cui approvvigionarsi, l’Associazione, ferma la valutazione sulla convenienza dell’offerta, sulla rispondenza della stessa alle esigenze aziendali e sull’affidabilità generale dei fornitori, terranno conto:

Nei rapporti con fornitori i responsabili dell’Associazione debbono attenersi a principi di correttezza, professionalità, efficienza, serietà e affidabilità. Debbono essere disponibili a ricercare soluzioni amichevoli ai problemi che dovessero insorgere, nella prospettiva di superare le posizioni divergenti e di addivenire a una loro conciliazione.

L’Associazione porta a conoscenza dei fornitori e dei consulenti il contenuto del presente Codice mediante la sua pubblicazione sul proprio sito internet aziendale.

5.6.Regali, Benefici e Promesse di Favori

Nel corso delle attività dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt occorre applicare criteri generali di correttezza, trasparenza e integrità.

Inoltre, è vietato accettare alcun bene o servizio, regalo, beneficio, prestazione o dazione che travalichi gli ordinari rapporti di cortesia.

6.Prevenzione del Riciclaggio

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt richiede massima trasparenza nelle operazioni commerciali e nei rapporti con i terzi, nel pieno rispetto delle normative, nazionali e internazionali, in tema di lotta ai fenomeni di autoriciclaggio e di riciclaggio.

I Destinatari non possono di conseguenza avviare rapporti d’affari per conto dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt con partner, fornitori o terzi che non diano adeguate garanzie di onorabilità e non godano di buona reputazione ovvero il cui nome sia associato a vicende connesse ad attività di riciclaggio nonché di autoriciclaggio.

L’Associazione è impegnata al pieno rispetto di tutte le leggi antiriciclaggio vigenti.

7.Uso e tutela dei beni aziendali

Tutti i dipendenti e i collaboratori devono ricordare che i beni aziendali materiali e immateriali messi a loro disposizione dall’Associazione sono da utilizzare:

8.Conflitto di interesse

Gli amministratori, i dipendenti e i collaboratori a vario titolo devono evitare ogni situazione e astenersi da ogni attività che possa contrapporre un interesse personale – diretto o indiretto – a quelli dell’Associazione o che possa interferire e intralciare la capacità di assumere, in modo imparziale e obiettivo, decisioni nell’interesse dell’Associazione stessa.

Il verificarsi di situazioni di conflitto d’interesse, oltre a essere in contrasto con le norme di legge e con i principi fissati nel Codice Etico, risulta pregiudizievole per l’immagine e l’integrità dell’Associazione.

Eventuali situazioni di conflitto, ancorché potenziale, dovranno essere tempestivamente e dettagliatamente comunicate all’Associazione – nella figura del proprio superiore gerarchico. Il soggetto in potenziale conflitto dovrà astenersi dal compimento o dalla partecipazione ad atti che possano recare pregiudizio al Teatro o a terzi ovvero anche comprometterne l’immagine.

9.Divulgazione delle informazioni

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt considera la diffusione di informazioni corrette, complete e veritiere su tutti i fatti aziendali – e il mantenimento della dovuta riservatezza sugli stessi, quando necessario – quale presupposto per creare e conservare un rapporto di trasparenza e di fiducia con i propri portatori di interessi correlati e del mercato.

L’obbligo di riservatezza si estende, oltre che alle informazioni che riguardano l’Associazione, anche a quelle relative a clienti, fornitori, partner commerciali o agli altri soggetti con i quali si intrattengono rapporti commerciali o comunque qualificati.

L’Associazione riconosce il fondamentale ruolo informativo svolto dai Media verso il pubblico, in generale, e gli stakeholder, in particolare. A tale scopo, si impegna a collaborare pienamente con tutti gli organi di informazione, senza discriminazioni, nel rispetto dei reciproci ruoli e delle esigenze di riservatezza commerciale.

L’Associazione conforma i propri comportamenti verso i Media secondo i principi di lealtà, correttezza, trasparenza e credibilità.

Pertanto, i rapporti con i Media, inclusa la concessione di interviste, devono essere tenuti nel generale rispetto dei principi etici riportati nel presente documento. I delegati al rapporto con i Media trattano con assoluta riservatezza notizie o informazioni raccolte, evitandone la diffusione per trarne personale vantaggio, o danneggiare                      l’Associazione,                                  ovvero                            avvantaggiare   terzi.

10.Trasparenza nella contabilità

Tutti i documenti ufficiali volti ad illustrare la situazione gestionale dell’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt, devono essere redatti con la massima cura al fine di garantirne l’accuratezza e veridicità. Devono, inoltre, essere redatti in conformità delle leggi e normative vigenti.

Nella redazione dei predetti documenti, il personale deve prestare la dovuta attenzione e mantenere quei comportamenti improntati a principi di correttezza, onestà e integrità che devono informare lo svolgimento delle attività professionali di propria competenza.

In ogni caso non sarà giustificata né giustificabile la tenuta / redazione di documentazione deliberatamente falsa o artefatta in modo da alterare significativamente la rappresentazione veritiera della situazione dell’Associazione.

11.Tutela della privacy

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt si uniforma alle prescrizioni in materia di riservatezza dei dati personali di cui al d.lgs. n. 196 del 2003, disciplinante il “Codice in materia di protezione dei dati personali” e successive modificazioni, integrazioni e regolamenti attuativi. Con particolare riguardo al trattamento dei dati personali dei lavoratori, l’Associazione mette in atto specifiche cautele volte a informare ciascun dipendente sulla natura dei dati personali oggetto di trattamento da parte dell’Associazione, sulle modalità di trattamento, sugli ambiti di comunicazione e, in generale, su ogni dato relativo alla sua persona.

12.Tutela della salute e della sicurezza

Il Teatro attribuisce grande importanza all’integrità fisica e morale dei propri dipendenti e collaboratori a condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale e ad ambienti di lavoro sicuri e salubri; l’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt cura, pertanto, la diffusione e il consolidamento di una cultura della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro, sviluppando la consapevolezza dei rischi e promuovendo comportamenti responsabili da parte di tutto il personale.

Tutti i destinatari del presente Codice, nell’ambito delle proprie attività, partecipano a tale processo di prevenzione dei rischi e di tutela della salute e della sicurezza nei confronti di sé stessi, dei colleghi e dei terzi. In particolare, il Documento di Valutazione dei Rischi è a disposizione nei termini e nelle modalità previste dalla normativa vigente.

Il Datore di Lavoro e le figure aziendali dotate di poteri gerarchici e funzionali devono curare, o fare in modo che terzi che agiscano per conto dell’Associazione curino, il rispetto delle disposizioni vigenti e in generale le prescrizioni contenute nel D.Lgs. n. 81/2008.

Tutti i soggetti destinatari degli obblighi in materia di salute e sicurezza sul lavoro devono rispettare le procedure aziendali e le misure generali di tutela previste in azienda.

13.Tutela dell’ambiente

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt ritiene di primaria importanza la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile del territorio in cui opera, in considerazione dei diritti della comunità e delle generazioni future.

L’Associazione Culturale CapoTrave/Kilowatt si impegna a considerare, nell’ambito della gestione operativa e delle iniziative di business, le imprescindibili esigenze ambientali e a minimizzare l’impatto negativo che le proprie attività aziendali hanno sull’ambiente.

A tal fine l’Associazione, nel pieno rispetto della normativa vigente in materia ambientale, presta particolare attenzione ai seguenti aspetti:

14.Violazione del Codice

È fatto obbligo a chiunque di osservare e di fare osservare il presente Codice.

L’osservanza delle norme contenute nel presente Codice deve considerarsi parte essenziale delle obbligazioni contrattuali previste per i dipendenti dell’Associazione, ai sensi dell’articolo 2104 del codice civile, nonché per i collaboratori dello stesso.

La violazione delle suddette norme costituirà inadempimento alle obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro e/o illecito disciplinare, con ogni conseguenza di legge.

L’Associazione si impegna a prevedere e irrogare, con coerenza, imparzialità e uniformità, sanzioni proporzionate alle rispettive violazioni del Codice e conformi alle vigenti disposizioni in materia di regolamentazione dei rapporti di lavoro.