Bando Kilowart 2014

Kilowart 2014

Bando rivolto ad artisti under 35 finalizzato alla realizzazione di un progetto
da sviluppare nell’ambito della XII edizione di Kilowatt Festival
(scadenza 22 marzo)

Art. 1 Generalità del bando

Kilowatt Festival – manifestazione dedicata a realtà emergenti della scena contemporanea (teatro, danza, arti performative, musica, letteratura, arti visive) – bandisce un concorso finalizzato alla realizzazione di un progetto di arti visive nell’ambito dell’omonima rassegna, in programma a Sansepolcro (AR) dal 18 al 26 luglio 2014. Il concorso, denominato Kilowart, prevede la presentazione di un progetto da realizzare nel corso di una residenza della durata di due mesi nel territorio di Sansepolcro (AR). Tra i criteri di valutazione, il comitato di selezione darà particolare rilievo ai contenuti, alle modalità di rappresentazione, al rapporto con il pubblico e con il territorio, al piano e alla sostenibilità economica del progetto, considerando anche eventuali sponsorizzazioni private presentate in sede di domanda. La partecipazione al concorso impone l’accettazione incondizionata da parte dei concorrenti di tutte le condizioni stabilite nel presente bando.

Art. 2 Finalità del bando

Il concorso, rivolto ad artisti nazionali, si propone di sviluppare una nuova modalità di interazione tra artista, pubblico e territorio. Il progetto è finalizzato alla realizzazione di un’opera (installazione, videoproiezione, performance, ecc.) destinata alla fruizione pubblica, cui verrà mostrato l’esito del processo sviluppato durante il periodo di residenza.

Art. 3 Descrizione del progetto

Kilowart offre una residenza della durata di due mesi a un artista, per un periodo di ricerca e lavoro a Sansepolcro e dintorni finalizzato alla realizzazione di un’opera che preveda il coinvolgimento attivo dei cittadini. Il confronto con la comunità locale diventa parte fondante dell’opera stessa. Dopo un processo d’ascolto da parte dell’artista, il contributo della comunità si potrà concretizzare a diversi livelli: dalla scelta di temi e riferimenti da trattare fino, eventualmente, all’intervento diretto nel processo creativo dell’opera, secondo approcci partecipativi o relazionali. L’idea dietro a Kilowart è di creare un laboratorio – teorico e pratico al tempo stesso – in cui artisti e cittadini partecipino alla realizzazione di un lavoro (installazione, videoproiezione, performance, ecc.) che indaghi il contesto cittadino fra storia e prospettive, punti critici e aspettative, sul modello di esperienze come “Nouveaux Commanditaires” (“Nuovi Committenti”), programma europeo finalizzato alla realizzazione di opere frutto di un confronto tra artista, contesto sociale, tessuto urbano e curatore (www.nouveauxcommanditaires.eu). Seguendo questa linea sarà prestata particolare attenzione allo spazio pubblico e al contesto urbano, nel tentativo di instaurare un dialogo di ampio respiro con la città.

Già nelle precedenti edizioni di Kilowatt, nell’ambito della sezione arti visive, sono state realizzate esperienze in questa direzione: nel 2012 Filippo Berta ha realizzato la performance, Happens Everyday con 20 cittadini della Valtiberina, nel 2013 Maria Teresa Zingarello ha coinvolto 83 persone in un’azione collettiva in Piazza Torre di Berta dal titolo La neve di luglio.

 Art. 4 Modalità di lavoro

L’esito del percorso sarà reso pubblico in occasione di Kilowatt Festival che si svolgerà dal 18 al 26 luglio 2014. A partire dalla seconda metà di maggio – dal 18 maggio – fino a fine luglio l’artista lavorerà alla realizzazione dell’opera con periodi di effettiva residenza nel Comune di Sansepolcro; l’artista potrà comunque stabilire contatti con il contesto e con i cittadini a partire dalla sua proclamazione e, dunque, precedentemente ai due mesi di residenza (che avrà luogo presso una struttura ricettiva del territorio del Comune di Sansepolcro). L’organizzazione di Kilowatt Festival darà il massimo supporto, mettendo l’artista nelle migliori condizioni per sviluppare le proprie ricerche sul territorio e lo affiancherà nell’organizzazione di workshop, incontri con la cittadinanza, momenti di studio con studenti di diverso ordine e grado a seconda delle caratteristiche peculiari del progetto. Il luogo principale di lavoro saranno gli spazi teatrali del complesso ex Misericordia – un luogo prezioso per la città, per il quale Piero della Francesca dipinse il celebre “Polittico della Misericordia” che qui fu conservato per oltre 400 anni, adesso esposto al Museo Civico – recentemente al centro di un progetto di riqualificazione architettonica che l’ha riconsegnato alla comunità. L’artista avrà inoltre la possibilità di un continuo confronto con il patrimonio artistico-culturale di Sansepolcro (accesso a Museo Civico, biblioteca comunale, Fondazione Piero della Francesca, ecc.) e avrà spazio e condizioni per lavorare al meglio alla produzione dell’opera, che sarà realizzata proprio durante la residenza. Nell’arco dei due mesi a disposizione, l’artista è tenuto a soggiornare a Sansepolcro per un periodo minimo di 20 giorni.

L’opera, assieme alla documentazione relativa alle fasi di realizzazione, entrerà poi a far parte di un fondo per l’arte contemporanea al Museo Civico che raccolga tutte le opere nate da questi processi collettivi, capace di crescere anno dopo anno, testimoniando così l’attitudine ai linguaggi contemporanei di un’intera comunità, vera protagonista dei processi artistici.

Art. 5 Requisiti di ammissione

Al concorso possono partecipare singoli e gruppi (indicando il nome di un rappresentante), persone fisiche o giuridiche di nazionalità italiana, che godano dei diritti civili e politici dello stato di appartenenza. Il concorso si rivolge ad artisti, di età compresa tra i 18 e i 35 anni. È requisito fondamentale aver svolto un percorso formativo coerente in ambito artistico e/o avere all’attivo mostre, sia personali sia collettive, a livello nazionale e/o internazionale.

 Art. 6 Procedura

I concorrenti dovranno presentare la propria candidatura inviando per mezzo raccomandata A/R il seguente materiale in formato cartaceo o digitale (supporto cd, dvd, hard disk o altro). Dovranno far pervenire presso la sede di Kilowatt una busta con all’esterno riportata la dicitura “Bando di concorso Kilowart”, il nome dell’artista o collettivo proponente e il nome del progetto presentato.

La busta dovrà contenere:

1. fotocopia di un documento di identità valido;

2. curriculum vitae comprensivo del percorso educativo svolto, le mostre realizzate, eventuali premi vinti, eventuali partecipazioni ad altri programmi di residenza, breve bibliografia (pubblicazioni e articoli sul proprio lavoro);

3. portfolio di massimo dieci lavori realizzati negli ultimi anni (immagini e documenti in formato elettronico su cd/dvd/hard disk o altro e stampa su supporto cartaceo; immagini in formato jpg e tiff, sia in bassa sia in alta risoluzione a 300 dpi); qualora necessario, si può integrare al portfolio un breve testo di presentazione generale del lavoro e del metodo artistico del candidato (massimo 1 cartella);

4. presentazione del progetto di ricerca che si intende sviluppare durante la residenza presso Kilowatt (progetto comprendente statement, tipologia dell’opera da realizzarsi, materiali e strumenti necessari, eventuali proposte di workshop correlati, previsione di spesa per produzione e allestimento dell’opera), ed eventuali sponsorizzazioni al proprio progetto;

Tutta la documentazione richiesta dovrà essere spedita entro sabato 22 marzo 2014 al seguente indirizzo: Kilowatt Festival, via Luca Pacioli 7, 52037 Sansepolcro (AR).

Per la data di consegna delle domande farà fede il timbro postale d’invio.

Nel caso di smarrimento del plico, l’Ente banditore non accetterà alcuna rivalsa da parte dei concorrenti e non risponderà dell’eventuale ricevimento della documentazione in un momento successivo alla data di scadenza dovuta a disguidi o ritardi nel funzionamento del servizio postale o dei servizi di recapito. Inoltre, l’Ente banditore non accetterà plichi che perverranno con spese di spedizione a carico del ricevente. Per ogni informazione sul bando, è attivo un apposito indirizzo e-mail: info.kilowart@gmail.com.

Art. 7 Comitato di selezione

I progetti verranno esaminati e giudicati da un comitato di selezione. Il comitato sarà composto da un operatore del settore (Ilaria Gianni, critica d’arte e curatrice, co-direttrice artistica della Nomas Foundation di Roma, docente presso numerosi corsi e master, ideatrice di progetti di arte pubblica), dal direttore artistico di Kilowatt (Luca Ricci, autore e regista teatrale), da un membro dell’Istituzione Biblioteca Museo di Sansepolcro e da un gruppo di non-addetti ai lavori provenienti dal territorio di Sansepolcro (massimo 10 persone). L’idea è quella di far incontrare le istanze del “pubblico generico” con quelle di un “addetto ai lavori”, nel tentativo di confrontare e mettere in discussione i rispettivi parametri di valutazione. L’esito della scelta sarà dunque frutto di un dibattito, sulla base delle proposte inviate: ogni partecipante ha diritto di voto e, in caso di parità tra due o più progetti, varrà il giudizio della direzione artistica di Kilowatt. La composizione del comitato, con l’inserimento di una rappresentanza di soggetti non appartenenti al “sistema dell’arte”, rappresenta di fatto un’esperienza pressoché inedita nel panorama nazionale. L’esito della selezione sarà reso noto con un incontro pubblico, nel quale saranno presentate alla cittadinanza – ma anche a giornalisti e operatori del settore – le motivazioni che hanno determinato la scelta. Il comitato di selezione valuterà, sulla base delle specifiche competenze degli artisti, in coerenza con le finalità espresse dal seguente bando; elaborerà inoltre per ognuno degli artisti una relazione finale sui criteri di valutazione delle candidature presentate. I parametri di giudizio del comitato di selezione non sono sindacabili. La valutazione avverrà alla chiusura del bando, a partire da marzo 2014.

Art. 8 Esclusioni

Non possono partecipare al presente concorso di idee:
- I componenti del comitato di selezione, i loro congiunti, parenti e affini fino al terzo grado, compresi coloro che risultino impiegati o datori di lavoro o che abbiano vincoli di collaborazione o relazioni continuative e notorie con membri del comitato stesso;
- Coloro che non siano in possesso dei requisiti richiesti e non rispettino le condizioni stabilite dal presente bando;
- Coloro che trasmettono in modo errato o incompleto la documentazione richiesta.

Art. 9 Comunicazione dei risultati

Ai concorrenti dichiarati vincitori sarà data comunicazione scritta a mezzo raccomandata A/R e i risultati saranno pubblicati entro martedì 29 aprile 2014 sul sito internet di Kilowatt: http://www.kilowattfestival.it/. L’esito della selezione sarà reso noto con un incontro pubblico. Il comitato di selezione redigerà una relazione conclusiva dei lavori contenente una breve illustrazione della metodologia di valutazione adottata e dell’iter dei lavori di selezione. Gli artisti vincitori saranno chiamati a firmare un regolamento per accettazione e adesione alle previste condizioni della residenza.

Art. 10 Facilities e budget

Il bando prevede la copertura di 2200€ iva inclusa per le spese di produzione e allestimento del progetto. All’artista spetta un fee di 750€ iva inclusa per l’ideazione del progetto. L’alloggio è a carico dell’organizzazione per i due mesi di residenza. Kilowatt offre inoltre il supporto teorico e pratico del proprio staff al fine di far lavorare al meglio l’artista in residenza, a partire dalla documentazione video-fotografica del periodo di permanenza a Sansepolcro e dell’opera realizzata fino alla comunicazione e all’appoggio dell’ufficio stampa. Gli spostamenti e l’eventuale trasporto di ritorno delle opere realizzate sono a carico dei singoli partecipanti.

Art. 11 Acquisizione dell’opera prodotta

L’opera realizzata è da considerarsi di proprietà del Comune di Sansepolcro ed entrerà a far parte della collezione del Museo Civico. Naturalmente il diritto d’autore rimane all’artista, che può riservarsi il diritto di disporre del prestito dell’opera in occasione di mostre temporanee e altri eventi legati alla propria attività artistica. Nel caso di performance o altri lavori basati su processi “effimeri”, l’artista provvederà a produrre del materiale di documentazione (foto e video). In ogni caso, il progetto dell’opera – rilasciato e autenticato dall’artista – è da considerarsi di proprietà del Comune di Sansepolcro e a disposizione dell’istituzione museale che, una volta acquisitolo, ne può disporre nelle modalità consone alle finalità per la quale è stata prodotta.

Art. 12 Pubblicazione bando

Il bando di concorso è pubblicato sui canali media del Festival e sul portale del Comune di Sansepolcro.

Art. 13 Responsabile Procedura concorsuale

Le procedure concorsuali saranno coordinate da un responsabile del concorso che seguirà e garantirà la legittimità delle stesse.

Il bando Kilowart è sostenuto da:
Regione Toscana,
Comune di Sansepolcro,
CapoTrave / Kilowatt
Istituzione Biblioteca Museo Archivi Storici di Sansepolcro

PER TUTTE LE INFORMAZIONI:  info.kilowart@gmail.com

Scarica il bando in formato PDF