A Natale regala il teatro: due spettacoli a 10 euro

Per Natale regala la cultura e il teatro!
Kilowatt Tutto l’Anno ti propone la sua promozione natalizia: scegli due spettacoli della nuova stagione 2017 e li pagherai solo 10 euro. Contattaci a comunicazione@kilowattfestival.it o ai numeri 339.4074895 / 0575.733063 e prenota i tuoi spettacoli, potrai ritirare un pacchetto regalo con le tue card sconto.
Non perdere questa opportunità!

KILOWATT TUTTO L’ANNO INVERNO-PRIMAVERA 2017 – Il programma

Mer. 25 Gennaio ore 21.00
Francesco Colaleo / Chenapans (danza)
(prova aperta al termine della residenza)

image1bis

Gli chenapans sono abitanti di un mondo dove tutto è possibile. In un pianeta di desideri, ogni cosa è invenzione. Gli atti creativi si esprimono semplici, così come sono, in quadri vivaci di intenzioni. Come piccoli Leonardo da Vinci, gli chenapans creano giochi ingegnosi per vivere il tempo, non per ammazzarlo. Non esistono guerre in questo mondo, perché si cresce solo fino ad una certa età. Il viso non invecchia, le persone sono cordiali e se per caso qualcuno piange non sono lacrime ma petali. Nessun supporto tecnologico ma soltanto i corpi e le loro curiosità irrefrenabili. Giochi a corpo libero tra campane, guardie e ladri, lupi mangia frutta e streghe tocca colore. Tutti conoscono la storia di Hansel e Gretel ed hanno imparato la lezione: “mai accettare caramelle dagli sconosciuti”.

________________________________________________________________________________

Sab. 4 Febbraio ore 21.00
Vincenzo Manna / Cani (teatro)
(prova aperta al termine della residenza)

cani-vincenzo-manna-fattitaliani

Una postazione di alta montagna al confine tra due paesi differenti per etnia e religione. Due soldati a guardia di un passaggio di frontiera. Dopo due anni di isolamento K., il più anziano dei due, si imbatte in un uomo e, convinto che sia una spia, lo imprigiona. Subito dopo, anche una ragazzina raggiunge la postazione. Dice di essere la figlia dell’uomo, c’è stato uno scambio di persona, suo padre è solamente un pastore. Ma K. non le crede e imprigiona anche lei. Finalista al Premio Borrello 2010, vincitore del CassinOff 2014.
_____________________________________________________________________________

Ven. 3 Marzo ore 21.00
Eleonora Pippo / Le ragazzine stanno perdendo il controllo, la società le teme, la fine è azzurra (teatro)
(prova aperta al termine della residenza)

le-ragazzine-stanno-perdendo-il-controllo

E’ la storia dell’amicizia tra due ragazze alle scuole medie con la dipendenza da analisi mediche. Le Ragazzine sono giovanissime e temibili atlete dell’egoismo: non c’è nobiltà d’animo, non c’è affetto, c’è uno spalleggiarsi, un condividere solitudini e la voglia di affermare la propria identità al di fuori della società così come viene loro imposta, arrivando a scatenare liti furibonde, risse, offendendo professori e figure autoritarie. Come tutti quelli che non percorrono sentieri ortodossi, le ragazzine saranno osteggiate e malviste, ma il loro legame gli darà la forza per continuare a distinguersi. Verranno divise, nel tentativo di addomesticarle e riportarle alla norma, arriverà il dramma. Il finale è a sorpresa; così a sorpresa da non essere descritto con parole ma con un colore, l’azzurro.

______________________________________________________________________________

Ven. 24 Marzo ore 21.00
Occhisulmondo / Amleto – un principe (teatro)

un_principe_occhisulmondo-690x460

Se il compito di questa società è distruggere l’animo umano e lo spirito degli uomini, sacrificando l’arte a vantaggio dell’economia di mercato, allora anche i classici, i libri e tutto quello che appartiene all’arte può essere dimenticato, bruciato in un grande falò. Crepino gli Artisti ci verrebbe da gridare, citando un profetico T. Kantor, ma non prima di combattere fino all’ultimo verso. Abbiamo scelto di interrogarci sull’arte dell’attore, eliminando ogni orpello dalla scena. Lo spazio vuoto e 7 attori: niente di più. Evocare un ambiente, un momento preciso, nel quale lo spettatore insieme all’attore compie l’atto creativo attraverso l’immaginazione. Abbiamo scelto di sviluppare una drammaturgia che mettesse in evidenza dell’opera Shakesperiana la caduta di una stato, il marciume della società, l’avidità e la perdita di responsabilità. Ognuno di noi è un Principe, circondato da marionette, manipolato dal sistema e in lotta con la sua coscienza. Ognuno di noi è chiamato alla responsabilità. Essere o non essere.

____________________________________________________________________________

Dom. 23 Aprile ore 17.00
Progetto Demoni / The Lost Generation (teatro)
(prova aperta al termine della residenza)

Non è ancora possibile fornire una sinossi per questo spettacolo in quanto è ancora in fase di preparazione.

_____________________________________________________________________________

KILOWATT DEI RAGAZZI INVERNO-PRIMAVERA 2017 – Il programma

Dom. 12 Febbraio ore 17.00
Cantieri Teatrali Koreja / Paladini di Francia

show_paladini452

Una rilettura comica e tragica dei paladini di Carlo Magno raccontando la bellezza e la crudeltà della vita, i giochi dei bambini, i giochi di guerra, l’amore, il destino e la ricerca quotidiana della dignità di uomini-pupi che ogni giorno muoiono se pur per finta.
Un infinito gioco di specchi e di illusioni dove naufragare è davvero bellissimo: chi muove chi? Ha una vita propria la marionetta? Il burattinaio ha il controllo della situazione o lo ha perduto per sempre? Cosa succede quando si spengono le luci del teatro? Chi è il vero protagonista della storia, Orlando o la sua raffigurazione, che da centinaia di anni sopravvive a qualunque massacro? Cos’è quel misterioso fascino che deriva dal clangore fra due pupi che combattono?

_____________________________________________________________________________

Dom. 5 Marzo ore 17.00
Sosta Palmizi / Con naso all’insù

illustrazionecolnasoallinsu2_francescomanenti

I genitori sono esseri straordinari, che accompagnano amorevolmente i loro piccoli nella vita ma che allo stesso tempo impongono divieti e regole alle volte incomprensibili agli occhi dei bambini.
Sono buffi, giocosi, accoglienti ma anche arrabbiati, nervosi, assenti. I bambini, col naso all’insù, li osservano…
Come li vedono? Che idea hanno di questi esseri meravigliosi e misteriosi, temuti e amati?
Col naso all’insù non vuole essere un percorso psicologico e/o analitico sulla funzione del genitore e di come emotivamente lo vedono i figli tra i 4 e i 10 anni. É piuttosto un libero gioco in cui le diverse qualità emozionali e caratteristiche comportamentali dei genitori diventano spunto per creare un momento spettacolare.
Per divertire, stupire, ma anche far riflettere. Un tentativo, anche, di liberare una diversa visione delle Mamme e dei Papà.